eventi

CENTO PAESI IN FESTA: CHIOSCHI CON 30 PIATTI TIPICI E 27 TRA VINI, BIRRA E SUCCO DI MELA

Venticinque varietà di vino, birra artigianale, succo di mele e trenta diversi piatti tipici che, dall’antipasto ai dolci, permetteranno al palato di ciascuno di fare un vero e proprio tour del gusto lungo le tradizioni culinarie della provincia di Pordenone in Friuli Venezia Giulia. Questi i numeri della sezione enogastronomica di Cento Paesi in festa, la festa annuale delle Pro loco della provincia di Pordenone, che si terrà dal 21 al 23 giugno a Cordovado (paese medievale membro del club dei Borghi più Belli d’Italia dell’Anci) con l’organizzazione del Consorzio tra le Pro loco del Sanvitese e del Sil (che coordina il progetto) insieme agli altri Consorzi provinciali delle Pro loco Arcometa Spilimberghese, Meduna-Livenza e Cellina Meduna. Una manifestazione resa possibile grazie al contributo di Provincia di Pordenone, Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale delle Pro loco d’Italia, Friuli Venezia Giulia turismo e al supporto di Friulovest Banca. Fondamentale per questa edizione 2013 l’impegno del Comune di Cordovado e di tutto il mondo associazionismo del centro medievale inserito nel club dei Borghi più Belli d’Italia dell’Anci.

I citati quattro Consorzi provinciali delle Pro loco gestiranno ognuno un chiosco dove, a prezzo convenzionato, i visitatori potranno assaggiare direttamente alcune delle delizie del Friuli occidentale. Solo per citarne alcune, nello stand di Arcometa, che rappresenta il territorio della Spilimberghese, il famoso formaggio Asìn (ovvero originario di Vito d’Asio, nessuna collegamento con il quadrupede) si incrocerà con l’orzotto col mùset (insaccato morbido), per finire con il dolce rosa della Grava (le Grave sono le zone ricche di sassi create dal fiume Tagliamento) e i vini tipici delle colline come Ucelùt, Picolìt e Scjalìn che si trovano solo in questo angolo di mondo. Il Consorzio del Sanvitese e Sil, territorio di acque risorgive, punterà tra le varie sue proposte anche sul noto frico friulano e sulle carni, a partire da quella di asino e cinghiale con polenta fumante. A bagnare il tutto, tra i vini proposti, anche il Friulano. Il Consorzio Cellina-Meduna, che prende il nome dai due fiumi che ne percorrono il territorio, proporrà tra le altre cose due dei “must” della cucina friulana, la frittata con le erbe di campo spontanee e gli gnocchi di zucca. La citata birra artigianale e il succo di mele accompagneranno i vini. Infine il Consorzio Meduna-Livenza, anche qui con un nome che tributa onore ai fiumi del territorio, proporrà anche del pesce di acqua dolce come la squisita trota o della tradizione come la renga (l’aringa). Tra i vini il Prosecco, visto che anche in questa varietà i viticoltori friulani eccellono.

“Il tutto – spiega Andrea Trevisanut, presidente del Consorzio tra le Pro loco del Sanvitese e Sil – grazie all’impegno delle singole Pro loco aderenti ai Consorzi, i cui volontari si metteranno dietro ai fornelli, alle griglie e a servire ai tavoli. Inoltre da non dimenticare il ricco programma di eventi collaterali, con oltre 40 eventi in tre giorni di festeggiamenti”.

In programma laboratori, letture e giochi per bambini, musica, ballo, mercatini, raduno auto d’epoca e moto giro, mostre d’arte, incontri culturali, cabaret, esposizioni agricole e di artigianato, visite turistiche con guida, sbandieratori, concorso di bellezza e altro ancora.

 

 

Comments are closed.